CHE COSA È LECARNITA?

LECARNITA è una preparazione iniettabile di levocarnitina


Principio attivo: levocarnitina

Levocarnitina è una sostanza naturale, necessaria per il metabolismo energetico. La L-carnitina facilita la penetrazione di acidi grassi a catena lunga nei mitocondri delle cellule, fornendo così un substrato per l'ossidazione e la formazione dell'energia. Gli acidi grassi sono usati come substrato per la formazione di energia in tutti i tessuti, eccetto cervello. La carenza primaria sistemica di carnitina è caratterizzata da una concentrazione bassa di levocarnitina in plasma sanguigno, globuli rossi e/o tessuti. Non si sa esattamente quali sintomi sono causati da una carenza di carnitina, e quali – dall’acidemia organica, in quanto si prevede, che la carnitina può alleviare i sintomi di entrambi i disturbi. La carnitina migliora l’eliminazione di acidi organici e grassi in eccesso in pazienti con alterato metabolismo degli acidi grassi e/o con acidopatie organiche specifiche, che causano l’accumulo nell’organismo di acil-CoA

L’insufficienza secondaria si verifica a causa di carenza nutrizionale di carnitina, della sua sintesi incompleta nell’organismo, o in caso di fabbisogno endogeno particolarmente alto di carnitina nell’organismo, anche nei pazienti gravemente ammalati, debilitati e nel periodo post-operatorio. Una diminuzione significativa del livello di carnitina nel miocardio è rilevata in pazienti con cardiomiopatia dilatativa e cardiopatia ischemica. Il livello totale di carnitina nel miocardio è stato ridotto al 42% nell’insufficienza cardiaca. È dimostrato, che la carenza di carnitina provoca la diminuzione della contrattilità miocardica, i disturbi del ritmo cardiaco

La carenza di carnitina può essere dovuta a disturbi metabolici congeniti. La carnitina può ridurre i disturbi metabolici nei pazienti con anomalie congenite che causano l'accumulo di acidi organici tossici. Tale effetto è stato dimostrato per i seguenti stati: aciduria glutarica II, aciduria metilmalonica, acidemia propionica e insufficienza di acil-CoA deidrogenasi di acidi grassi a catena media. La 7,8-autointossicazione in questi pazienti si verifica in conseguenza all'accumulo di messaggi acile-CoA, che violano il metabolismo intermedio. L’ulteriore idrolisi dei composti di acil-CoA agli acidi liberi causa l’acidosi, che può essere pericolosa per la vita. La L-carnitina neutralizza i composti acil-CoA per formare acilcarnitina, che viene rapidamente eliminata dall’organismo. La carnitina è efficace in caso di intossicazione alcoolica, da farmaci, e di intossicazione causata da xenobiotici. La carenza di carnitina viene rilevata biochimicamente da concentrazioni estremamente basse di carnitina libera nel plasma sanguigno (0,4) o da concentrazioni anormalmente elevate di acilcarnitina nelle urine. In bambini prematuri e neonati l’insufficienza secondaria si manifesta come concentrazione di levocarnitina nel plasma inferiore alla dose d’età. È dimostrata l'efficienza di carnitina in caso di neuropatia periferica, compresa quella diabetica e alcolica, in pazienti con obesità e dislipidemia aterogena. La L-carnitina aumenta la sensibilità delle cellule all’azione dell'insulina

  • LECARNITA integra la carenza di energia, migliora il lavoro del cuore e normalizza i processi metabolici
  • LECARNITA riduce le manifestazioni dell’insufficienza cardiaca, ha un effetto positivo sull’attività del sistema nervoso centrale
  • LECARNITA migliora il metabolismo energetico, ridurre l'infiltrazione grassa del fegato, ha le proprietà antitossiche
  • Insufficienza primaria (congenita) di carnitina
  • Insufficienza secondaria di carnitina
  • Cardiomiopatia

Le dosi e la durata del trattamento vengono determinate individualmente a seconda dell'età e della forma nosologica della malattia. La soluzione per iniezione viene somministrata lentamente per via e/v (2-3 minuti) o in flebo
Insufficienza primaria di carnitina: nei casi di disturbi acuti di regolazione del metabolismo il farmaco viene somministrato per via e/v in dose di 50-100 mg/kg di peso corporeo, ogni giorno, in 3-4 prese. Se necessario, si può somministrare in dosi più alte, anche se questo può peggiorare gli effetti collaterali, soprattutto la diarrea
Carenza secondaria di carnitina: in caso di carenza secondaria di carnitina, il farmaco è utilizzato in dose di 10-20 mg/kg di peso corporeo, per via di iniezione e/v in bolo, dopo ogni procedura di emodialisi (nel caso di tre procedure entro una settimana). La durata dell’uso e/v deve essere di almeno 3 mesi – questo tempo, di solito, è necessario per recuperare il livello normale di carnitina libera nei muscoli. La reazione generale dovrebbe essere valutata sulla base delle condizioni del paziente e dei risultati di controllo ripetuto dei livelli di carnitina nel plasma
Emodialisi: dose di mantenimento. Se l’effetto clinico è ottenuto tramite la somministrazione e/v, esso può essere mantenuto con una somministrazione giornaliera di 1 g di L-carnitina per via orale. Il giorno della dialisi la L-carnitina dovrebbe essere presa per os, alla fine della procedura

Con l'uso prolungato di L-carnitina, sono stati riportati vari disturbi minori da parte del tratto gastrointestinale: nausea e vomito, flatulenza, diarrea. Solo con l’uso di L-carnitina in pazienti uremici sono stati descritti casi di miastenia lieve
Deve essere attentamente valutata la sensibilità al farmaco durante la 1a settimana dell’uso del farmaco e dopo ogni aumento della dose
Sono stati descritti casi di attacchi di convulsioni in pazienti sia con l’attività convulsiva già esistente, che senza di essa, trattati con L-carnitina per via orale o e/v

Evitare l'uso in caso di ipersensibilità ad uno o più componenti del prodotto

La somministrazione di levocarnitina ai pazienti con diabete mellito, trattati con insulina o ipoglicemizzanti orali, può causare l’ipoglicemia. Questi pazienti richiedono un monitoraggio costante del livelli del glucosio nel plasma sanguigno, per correggere il regime di trattamento ipoglicemizzante. La somministrazione e/v di L-carnitina deve essere eseguita lentamente (2-3 min). L’uso prolungato del farmaco senza l'aggiunta di potassio può causare l’ipopotassiemia, quindi è necessario controllare il bilancio elettrolitico quando si utilizza il farmaco. La somministrazione orale prolungata di levocarnitine in dosi elevate in pazienti con disfunzione renale grave o l’insufficienza renale allo stadio terminale non è raccomandata, in quanto può portare all'accumulo di metaboliti potenzialmente tossici nel sangue, di trimetilammina (TMA) trimetilammina-N-ossido (TMA), a causa dell’escrezione insufficiente dai reni. Tale accumulo porta ad un aumento del TMA nelle urine
Non superare la dose raccomandata del farmaco. Se ci sono effetti collaterali, il farmaco deve essere sospeso
Uso durante la gravidanza e l'allattamento: non è stata registrata azione teratogena ed embriotossica del farmaco, ma a causa della mancanza di adeguati studi clinici controllati del farmaco, l’uso del farmaco nelle donne in gravidanza è possibile solo, se il beneficio atteso per la madre giustifica il potenziale rischio per il feto. In caso di necessità di usare il farmaco in periodo di allattamento, esso deve essere sospeso per il periodo di trattamento farmacologico
Bambini: il farmaco viene prescritto ai bambini fin dai primi giorni di vita, tra cui a quelli prematuri
La capacità di influenzare la velocità di reazione durante la guida o il lavoro con altri meccanismi - non influenza. L'uso simultaneo con corticosteroidi provoca l'accumulo di levocarnitina nei tessuti dell’organismo (fegato escluso). Altri agenti anabolizzanti aumentano l'effetto del farmaco
Incompatibilità: non mescolare con altri medicinali
Sovradosaggio։ non ci sono informazioni sulla tossicità di levocarnitina in caso di sovradosaggio. L'uso del farmaco in dosi elevate può causare diarrea. Levocarnitina viene facilmente eliminata dal plasma sanguigno mediante dialisi. In caso di sovradosaggio, si effettua il trattamento sintomatico

Conservare in un luogo protetto dalla luce, ad una temperatura non superiore a 25°C. Tenere fuori dalla portata dei bambini!

Soluzione per iniezioni in fiale, 5 ml

A prescrizione